Mille Miglia 2016, è stata l’edizione dei record

Mille Miglia 2016, è stata l'edizione dei record

Si è conclusa a Brescia la 34esima rievocazione della Freccia Rossa, che ha visto la partecipazione di ben 450 vetture. Vincono Vesco e Guerini su Alfa Romeo 6C.

ROMA – Dopo il secondo posto dello scorso anno Andrea Vesco e Andrea Guerini, alla guida di un’Alfa Romeo 6C 1750 GS Zagato del 1931, hanno vinto la Mille Miglia 2016, conclusasi ieri sul traguardo di viale Venezia a Brescia. Dopo 1800 km di strada, Vesco e Guerini si sono imposti nella trentaquattresima rievocazione della Freccia Rossa con un punteggio di con 51.542 punti, precedendo in classifica Luca Patron ed Elena Scaramuzzi, giunti al secondo posto, su O.M. 665 Superba Sport 2000 CC del 1926, con 50.088 punti, e Giordano Mozzi e Stefania Biacca che si sono aggiudicati il terzo gradino del podio a bordo di una Alfa Romeo 6C 1500 Gran Sport del 1933, con 49.262 punti.

GARA FENOMENALE - “Dopo il secondo posto della scorsa edizione – hanno dichiarato i vincitori – quest’anno siamo riusciti a centrare la vittoria. E’ la legge dei grandi numeri e prima o poi doveva arrivare, siamo stati bravi e fortunati, anche grazie alla macchina che non ci ha mai dato il minimo problema. E’ stata una gara fenomenale”. La speciale classifica, riservata agli equipaggi interamente femminili, è stato vinta da Silvia Marini e Saskia Stoeckkelmann su Riley 12/4 Sprite del 1936 che si sono aggiudicate la Coppa delle Dam

NUMERI RECORD - “Anche quest’anno la Mille Miglia ha fatto segnare numeri da record – ha dichiarato Andrea Dalledonne, Amministratore Delegato di 1000 Miglia S.r.l. – Sono oltre 230, infatti, i Comuni attraversati nel corso della gara, 2.500 le persone coinvolte nell’organizzazione, 900 i partecipanti, provenienti da 38 nazioni, 450 le auto in gara, appartenenti a 71 case automobilistiche, 65 vetture partecipanti al Ferrari Tribute To Mille Miglia e le 60 auto del Mercedes-Benz Challenge To Mille Miglia, 1.800 operatori dei media accreditati, circa 4.000 stanze di hotel prenotate per i giorni della corsa”.

QUATTRO TAPPE – La gara, artita come sempre da Brescia, si è svolta in quattro tappe: la prima giovedì 19 maggio con arrivo a Rimini. La seconda ha coinvolto Roma nella giornata di venerdì 20 maggio. La giornata di sabato 21 maggio ha visto la Freccia Rossa arrivare a Parma, terza sosta del percorso dell’edizione 2016 della celebre Mille Miglia, conclusasi domenica 22 maggio con l’arrivo a Brescia. Prima dell’arrivo al traguardo la Freccia Rossa ha disputato alcune prove cronometrate nell’Autodromo di Monza. La vittoria è andata all’equipaggio formato da Maurizio Colpani e Pietro Giuseppe Grumelli, su Bugatti T37. Secondo posto a Tiberio Cavalleri e Cristina Meini, alla guida di Lancia Lamda terzi classificati Kioto e Junko Takemoto su Bugatti T 40. I vincitori sono stati premiati da Ivan Capelli, Presidente ACI Milano.

TROFEO GABURRI - L’edizione 2016 della Mille Miglia ha visto per la prima volta disputarsi, tra le vie centrali di Brescia, il Trofeo Roberto Gaburri, primo Presidente di 1000 Miglia Srl., scomparso a gennaio. Fortemente voluto dall’organizzazione il Trofeo, a ricordo della sua passione per le auto storiche e per l’impegno nel condurre la società che organizza la corsa, ha visto vincitore l’equipaggio formato dall’argentino Juan Tonconogy e dall’italiana Barbara Ruffini su Bugatti T 40 del 1927.

FERRARI E MERCEDES - La Freccia Rossa ha decretato anche altri vincitori, partecipanti al Ferrari Tribute to Mille Miglia e al Mercedes-Benz Mille Miglia Challenge, riservati a vetture prevalentemente moderne delle due case automobilistiche: rispettivamente i due trofei sono stati vinti da Enzo e Elio Garelli su Ferrari F12 del 2016 con 19.128 punti e da Walter Perotto e Mauro Ellena alla guida di Mercedes-Benz 300 SL del 1957 con 19.133 punti.

F.C. – www.tuttosport.com

 

 

Mille Miglia, vittoria di Vesco e Guerini su Alfa Romeo – Il traguardo di Brescia ha premiato la 6C 1750 GS Zagato del 1931. Podio per Patron-Scaramuzzi (O.M. 665 Superba Sport 2000 CC del 1926) e per Mozzi-Biacca (Alfa Romeo 6C 1500 Gran Sport del 1933)

L'equipaggio Vesco-Guerini all'arrivo di Brescia

L’equipaggio Vesco-Guerini all’arrivo di Brescia

Andrea Vesco e Andrea Guerini, alla guida di un’Alfa Romeo 6C 1750 GS Zagato del 1931, sono i vincitori con 51.542 punti della Mille Miglia 2016, la corsa su strada più celebre di ogni tempo che si è conclusa oggi sul traguardo di viale Venezia a Brescia. Dopo 1800 km di strada, Vesco e Guerini si sono imposti nella trentaquattresima rievocazione della Freccia Rossa, precedendo in classifica Luca Patron ed Elena Scaramuzzi, giunti al secondo posto, su O.M. 665 Superba Sport 2000 CC del 1926, con 50.088 punti, e Giordano Mozzi e Stefania Biacca che si sono aggiudicati il terzo gradino del podio a bordo di una Alfa Romeo 6C 1500 Gran Sport del 1933, con 49.262 punti.
bravi e fortunati — “Dopo il secondo posto della scorsa edizione, hanno dichiarato i vincitori Vesco e Guarini, quest’anno siamo riusciti a centrare la vittoria. È la legge dei grandi numeri e prima o poi doveva arrivare, siamo stati bravi e fortunati, anche grazie alla macchina che non ci ha mai dato il minimo problema. È stata una gara fenomenale”.
donne — La speciale classifica, riservata agli equipaggi interamente femminili, è stata vinta da Silvia Marini e Saskia Stoeckkelmann su Riley 12/4 Sprite del 1936 che si sono aggiudicate la Coppa delle Dame. Hanno preceduto gli equipaggi rosa formati da Loes e Annemarie Van De Velve, giunte al secondo gradino del podio, su Lagonda M 45 Rapide e dalle due pilote professioniste tedesche Susie Wolfe e Ellen Lohr, terze classificate su Mercedes-Benz 300 SL.
 Gasport – www.gazzetta.it/Passione-Motori

La Mille Miglia incorona Vesco nuovo re di Roma

Il re di Roma è bresciano: non capitava da quasi dieci anni, da quando Bruno Ferrari si presentò a Roma da primo in classifica per poi vincere a Brescia. Questa volta il re di Roma è giovane, viene dalla Valtrompia e negli ultimi anni ha perso pochissime gare: tra cui, sempre la Mille Miglia. Andrea Vesco è passato raggiante sulla passerella di via Veneto, punto d’arrivo spettacolare in una città che regala sempre emozioni importanti. Con lui il navigatore di sempre Andrea Guerini, anche lui valtriumplino, anche lui pronto a trasformare il suo sogno in realtà. Eppure dopo la prima tappa di ieri per il duo bresciano questa Mille Miglia rischiava di sembrare più difficile del previsto: l’auto da battere con l’equipaggio per una vittoria quasi certa, un’equazione che se vale quasi sempre non può valere anche per la gara più imprevedibile del mondo. E così succede che la prima tappa riminese si concludesse con danni piuttosto limitati ma certamente non come doveva essere nelle previsioni.

Ieri invece Vesco è stato praticamente perfetto: ha via via ridotto il distacco dai primi in classifica, a San Marino, nella nebbia, ha macinato punti su punti ritrovandosi in terza posizione alle spalle di Sanchez Zinny su Bugatti T40 e Giordano Mozzi su Alfa Romeo 6C ma davanti ad Ezio Salviato anche lui su Bugatti T40.

Chilometri sotto la pioggia, certezze che sarebbero potute crollare ma che invece hanno trovato forza nella convinzione che la Mille Miglia si vince solo all’ultima prova e che l’importante fosse giocare le proprie carte chilometro dopo chilometro contando anche sulle prestazioni degli altri incappati, alternativamente, in prove non eccezionali. Via verso le Marche, il distacco dall’argentino sempre più sottile fino alle porte di Senigallia dove il duo bresciano arriva sì al terzo posto, ma vicinissimo a Mozzi primo e Sanchez secondo con Giuliano Canè tornato prepotentemente nelle posizioni di vertice grazie ad una mattinata di gara baciata da una classe mai in discussione.

La vera spallata alla classifica viene data appena dopo pranzo: per Vesco e Guerini una foto «portafortuna» con Kasia Smutniak: «Voglio fare una foto con lei e Giovanni», le parole del driver valtriumplino. Detto e fatto e via per una serie di prove impressionanti che in pochi minuti mettono i bresciani al comando della corsa davanti a Mozzi e al bresciano Alberto Riboldi navigato da Paolo Sabbadini su una OM 665. Un tocco di brescianità in più in una corsa che trascorre la maggior parte del tempo, ovviamente, lontano dalla sua casa originale.

Con il passare dei chilometri e delle prove Vesco respinge gli assalti di Mozzi, scende lungo l’Adriatico sulla sua Alfa Romeo 1750 (un modello identico a quella cui legò leggendarie imprese Tazio Nuvolari nei primi anni Trenta) e a San Benedetto del Tronto costruisce un tesoretto di 350 punti di vantaggio che si è portato fino a Roma.

ALLE SPALLE MOZZI, quindi Riboldi staccato però di oltre 900 punti con Tonconogy, protagonista di una gara altalentante, quarto a oltre 1400 punti dal primo. Un distacco che inizia ad essere importante anche perché il duo bresciano ha il coefficiente a fungere da protezione aggiuntiva. Quinto Ezio Salviato, autore di alcune prove non esaltanti mentre sesto a Roma ha concluso Giuliano Canè, settimo l’alfiere Alfa Romeo Alessandro Gamberini. A completare una bella giornata per i colori bresciani anche il decimo posto di Riccardo Perletti su OM, un altro giovane che si sta facendo valere in competizioni importanti su una macchina che per Brescia ha un significato straordinario.

Gli altri bresciani? Michele Cibaldi e Andrea Costa hanno chiuso dodicesimi, Domenico Battagliola ed Emanuel Pionadiciassettesimi mentre Tiberio Cavalleri con la moglie Cristina Meini è arrivato a Roma in diciannovesima posizione a completare il sestetto di bresciani nella top venti della corsa.

Oggi sarà tempo di tornare verso Brescia: la terza tappa però si concluderà a Parma dopo aver attraversato la Toscana e scalato i passi di Futa e Raticosa prima di scendere verso Bologna.

In cantiere ancora tante prove: per il re di Roma bresciano sarà una giornata decisiva per respingere i tentativi di Mozzi, Riboldi, Tonconogy, Salviato e Canè di tornare a lottare per la vittoria. Fondamentali saranno le prime prove, quelle prima di Viterbo, sognando l’arrivo di viale Venezia.

Daniele Bonetti – www.bresciaoggi.it

Mille Miglia 2016, i numeri

mille-miglia_2016_roma_tributo_ferrari_03-900x529
Sono 450 le vetture in gara in rappresentanza di 71 Case automobilistiche differenti, un numero consistente che terrà impegnati per oltre 2,5 ore coloro che vorranno assistere al passaggio delle vetture storiche. Ben 76 di queste hanno partecipato ad almeno una edizione della Mille Miglia tra il 1927 e il 1957. Tra queste la Ferrari 340 con la quale Gigi Villoresi vinse l’edizione del 1951 e un’Alfa Romeo 6C 2300 Pescara, appartenuta a Benito Mussolini, che disputò la Mille Miglia del 1936 con il suo autista Ercole Boratto al volante.

La Casa automobilistica più rappresentata è l’Alfa Romeo, con 47 vetture (scelte su 61 iscritte), seguita dalla Mercedes-Benz con 41 (su 57) e la FIAT con 38 (su 46 iscrizioni). Con 24 partecipanti ci sono la Lancia, la Jaguar, la Ferrari; la Porsche con 21; la Bugatti con 20 e l’Aston Martin con 19. I 900 partecipanti provengono invece da 38 Paesi diversi.

A fronte di richieste di iscrizioni pervenute da 41 nazioni di tutti i continenti, i Paesi degli equipaggi ammessi al via sono 38, con l’Italia che continua a essere il Paese maggiormente rappresentato, con 273 partenti. In crescita le rappresentanze di Germania, con 124 persone; Olanda con 75; Regno Unito, con 75; Stati Uniti d’America con 65; Svizzera con 43; Belgio con 37; Argentina con 19.

Per questa edizione oltre alle auto ammesse secondo regolamento, i selezionatori hanno deciso di accettare altri 25 esemplari, per un totale di 440 vetture in totale. Si tratta di modelli rispondenti alle caratteristiche della Mille Miglia ma che, per diverse ragioni, non hanno partecipato alle edizioni canoniche. Queste vetture saranno in gara a tutti gli effetti, l’unica differenza sarà costituita dalla mancata assegnazione del coefficiente di merito, in modo da riservare la vittoria ai modelli protagonisti della corsa dal 1927 al 1957.

A completare la carovana ci saranno ulteriori dieci automobili della Categoria Militare, condotte da alti ufficiali delle diverse Armi delle Forze Armate Italiane, proprio come accadde alla Mille Miglia del 1952. A queste si aggiungono altre 100 vetture prodotte dopo il 1958: si tratta delle auto partecipanti al “Ferrari Tribute to Mille Miglia” e al “Mercedes-Benz Mille Miglia Challenge”, riservati a vetture prevalentemente moderne delle due Case produttrici.

Gilberto Milano

Redazione – ruoteclassiche.quattroruote.it

Mille Miglia 2016: ecco il programma completo

MARTEDI’ 17 MAGGIO

Il rombo dei motori comincia a sentirsi già da oggi, martedì 17 maggio. La Mille Miglia, la Freccia Rossa, la corsa più bella del mondo prende il via.

Stasera le auto storiche faranno una passerella in centro, per la prima edizione del Trofeo Gaburri.

Dalle 12 alle 22 in ogni caso sono in programma le verifiche sportive e tecniche, la consegna dei numeri di gara e dei road-book.

Dalle 19:30  alle 21 la gara di regolarità 1° Trofeo Roberto Gaburri, con partenza dal parcheggio degli Artigianelli in via Brigida Avogadro e arrivo in piazza Tebaldo Brusato. Le premiazioni del Trofeo sono previste domenica 22 maggio alle 18.30 al Teatro Grande.

 

Redazione web – www.giornaledibrescia.it

 

image

Mille Miglia 2016: il programma, il percorso e le tappe – Guida completa alla 34° rievocazione storica della corsa Brescia-Roma-Brescia -

La Mille Miglia 2016 – 34° rievocazione della corsa Brescia-Roma-Brescia in programma dal 19 al 22 maggio 2016 – è l’evento più importante d’Italia dedicato alle auto d’epoca. 440 vetture costruite prima del 1957 (Alfa Romeo la Casa più rappresentata) percorreranno circa 1.800 km.

Di seguito troverete una guida completa all’evento: il percorso (che rispetto allo scorso anno vede alcune novità come il ritorno dei Passi della Futa e della Raticosa) le tappe e gli orari di partenza, arrivo e transito della prima auto della carovana nei luoghi più rappresentativi. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

Mille Miglia 2016: il programma

Martedì 17 maggio 201611:00   Conferenza Stampa di Brescia presso Palazzo della LoggiaSalone Vanvitelliano
14:00   Apertura Sala Stampa presso Palazzo BrolettoSalone Sant’Agostino
12:00-22:00 Verifiche sportive e tecniche, consegna dei numeri di gara e dei road-book
19:30   Gara di regolarità 1° Trofeo Roberto Gaburri

Mercoledì 18 maggio 201610:00   Apertura Sala Stampa di Brescia presso Palazzo BrolettoSalone Sant’Agostino
09:00-22:00 Verifiche sportive e tecniche, consegna dei numeri di gara e road-book
14:00   Apertura del “Villaggio” in Piazza della Vittoria
16:30-22:00 Punzonatura delle vetture in Piazza della Vittoria
18:30   Santa Messa in Duomo Vecchio, Benedizione delle vetture d’epoca e mostra dell’artista Arcabas (in occasione del Giubileo, la porta Santa del Duomo Nuovo resterà aperta fino alle ore 20:00)

Giovedì 19 maggio 2016

07:30-08:30 Ultime Verifiche sportive e tecniche, consegna dei numeri di gara e road-book
08:30-10:30 Verifiche sportive e tecniche per vetture in lista di attesa, consegna dei numeri di gara e road-book
08:00-20:00 Apertura Sala Stampa di Brescia presso Palazzo BrolettoSalone Sant’Agostino
08:00-12:00 Apertura del “Villaggio” in Piazza della Vittoria
08:30-11:30 Punzonatura delle vetture in Piazza della Vittoria
12:30   Pranzo di Partenza presso il Museo Mille Miglia
14:30   INIZIO PRIMA TAPPA BRESCIA-RIMINI. PARTENZA DELLA PRIMA VETTURA DA VIALE VENEZIA
17:15   Partenza ultima vettura da Viale Venezia
21:30   RIMINI, FINE TAPPA: ARRIVO DELLA PRIMA VETTURA
dalle 21:40 Cena e pernottamento

Venerdì 20 maggio 201608:00-22:00 Apertura Sala Stampa di Brescia presso Palazzo BrolettoSalone Sant’Agostino
08:15   INIZIO SECONDA TAPPA: RIMINI-ROMA. PARTENZA DELLA PRIMA VETTURA
13:40   Pausa pranzo a Macerata
21:15   ROMA, FINE TAPPA: ARRIVO PRIMA VETTURA PER CONTROLLO ORARIO
21:30   Arrivo previsto della prima vettura in centro città e passerella in Via Veneto
dalle 21:45 Cena e pernottamento

Sabato 21 maggio 201606:30   INIZIO TERZA TAPPA: ROMA-PARMA. PARTENZA DELLA PRIMA VETTURA
08:00-22:00 Apertura Sala Stampa di Brescia presso Palazzo BrolettoSalone Sant’Agostino
dalle 13:00 Pausa pranzo a Poggibonsi

20:45   PARMA, FINE TAPPA. ARRIVO PREVISTO DELLA PRIMA VETTURA
dalle 21:00 Cena e pernottamento
dalle 21:00 Brescia: “Mille Miglia – The Night”

Domenica 22 maggio 201607:00   INIZIO QUARTA TAPPA: PARMA-BRESCIA. PARTENZA DELLA PRIMA VETTURA
08:00-22:00 Apertura Sala Stampa di Brescia presso Palazzo BrolettoSalone Sant’Agostino
dalle 13:15 Pranzo a Gussago
14:00   Arrivo delle prime vetture al traguardo sportivo di Gussago-Brescia
dalle 14:20 Arrivo e sfilata delle vetture in Viale Venezia a Brescia
dalle 14:30 Parcheggio delle auto nel centro di Brescia. Cocktail presso Palazzo della Loggia
18:00/18:30 Cerimonia di premiazione al Teatro Grande di Brescia. Fine evento e pernottamento a Brescia

Mille Miglia 2016: le tappe

Giovedì 19 maggio 2016

14:30 Brescia
15:30 Peschiera D/G
18:40 Ferrara
20:10 Ravenna
21:30 Rimini

Venerdì 20 maggio 2016

08:15 Rimini
08:45 San Marino
11:40 Senigallia
14:10 Macerata
15:30 Fermo
16:50 San Benedetto del Tronto
19:40 Rieti
21:10 Roma

Sabato 21 maggio 2016

06:30 Roma
08:40 Viterbo
10:10 Radicofani
12:20 Siena
13:35 Poggibonsi
15:00 Firenze
18:10 Bologna
18:35 Anzola
19:45 Reggio Emilia
20:45 Parma

Domenica 22 maggio 2016

07:00 Parma
08:20 Cremona
09:20 Lodi
10:20 Monza
11:20 Bergamo
14:00 Gussago
14:30 Brescia (sfilata)

 

Redazione – www.panorama-auto.it